ANTARES

TOPOGRAFO CORNEALE

Antares è un dispositivo estremamente versatile per le sue eccellenti caratteristiche funzionali. Alla decennale esperienza nel campo della topografia corneale, Antares aggiunge una notevole quantità di funzioni che promuovono il dispositivo a candidato ideale per la diagnostica della disfunzione lacrimale. In ambito topografico fornisce informazioni di curvatura, elevazione e potere refrattivo, unitamente ad un cospicuo numero di parametri sintetici per la diagnostica e il follow-up della superficie corneale.

SCREENING CHERATOCONO

Un efficace sistema di screening del cheratocono, clinicamente validato, basato su un sistema di autoapprendimento, fornisce suggerimenti sul rischio ectasico ponendo in evidenza i casi in cui la probabilità di complicanze sia maggiore.  

PUPILLOGRAFIA

Completamente integrato con la topografia della superficie anteriore della cornea, Antares effettua la misura della pupilla in condizioni scotopiche (0.04 lux), mesopiche (4 lux), fotopiche (50 lux) ed in modalità dinamica. La conoscenza del centro e del diametro pupillare, risulta essenziale per tutte le procedure cliniche mirate all’ottimizzazione della qualità della visione.  

VIDEOCHERATOSCOPIA

Il dispositivo è dotato di una sorgente luminosa a luce bianca per la cattura di immagini o filmati a colori, di una sorgente luminosa a luce blu cobalto per l’analisi del clearance di LAC rigide in flouresceina. Di notevole utilità è inoltre il cambio d’ingrandimento per la cattura di immagini ad ampio campo di vista del menisco lacrimale e del rossore oculare.  

MODULO PER APPLICAZIONE DELLE LENTI A CONTATTO

È disponibile un modulo di autofit per la ricerca e la simulazione di lenti rigide in un database contenente costruttori italiani ed internazionali.  

DRY EYE REPORT

Grazie alle proprietà di integrazione del software Phoenix con vari dispositivi, sulla base del questionario OSDI, l’analisi dell’iperemia oculare, limbare e congiuntivale, delle ghiandole di Meibomio, dell’altezza del menisco lacrimale, del NiBUT e del valore di osmolarità del film lacrimale, esaminati nella loro totalità, fornisce una valutazione complessiva delle condizioni cliniche del paziente, per la diagnosi delle disfunzioni del film lacrimale.

SCHEDA TECNICA

Trasferimento dati: USB 3.0
Alimentazione: alimentatore esterno 24 VCC In: 100-240Vac - 50/60Hz - 0.9-05A - Out: 24Vdc - 40W
Cavo di rete: con presa C14
Dimensioni: 515 x 315 x 255
Peso: 6.5Kg
Escursione mentoniera: 70mm ± 1mm
Altezza minima poggia-mento da piano di lavoro: 24cm
Movimento base (xyz): 105 x 110 x 30mm
Distanza di lavoro: 74mm
SORGENTI LUMINOSE  
Disco di Placido: Led @450-650nm
Stimolazione fluorescina: Led @470nm
Pupillografia e Meibografia: Led @875nm
TOPOGRAFIA  
Anelli disco di Placido 24
Punti misurati 6144
Copertura topografica (a 43D) 10mm
Range diottrico di misura da 1D a 100D
Accuratezza di misura Classe A secondo la UNI EN ISO 19980-2012
Compatibile con lo standard DICOM v3 (IHE integration profile EYECARE Workflow)
   
REQUISITI MINIMI DI SISTEMA  
PC: 4 GB RAM - Scheda Video 1 GB RAM (non condivisa) risoluzione 1024 x 768 pixels - USB 3.0 type A Sistema operati vo: Windows XP, Windows 7 e Windows 10 (32/64 bit).